Benessere e Salute

Nonostante gli sforzi della medicina tradizionale e di quella alternativa, il concetto di benessere rimane ancora fuori dalla nostra portata. Quasi tutti i giornalisti che scrivono di salute con l’intenzione di migliorarla, finiscono per redigere rapporti sulle malattie e gli sviluppi scientifici. Dal punto di vista della prevenzione questo aspetto é lodevole, ma non é l’unico quando si considerano tutti i fattori che contribuiscono a migliorare la qualità della nostra vita.
Un altro aspetto importante quando si parla di benessere è la connessione che c’é fra la salute e lo stato di coscienza. Questa connessione rivela che c’è molto di più che solo causa ed effetto quando si considera il nostro corpo.
Lo sanno bene in Brasile ed in America dove questo argomento é già stato preso in considerazione: presso la facoltà di medicina di San Paolo e anche alle università di Santa Monica, Dallas e Washington, l’argomento spiritualità o salute e spiritualità appare come una delle materie offerte nel piano di studi universitari, accanto agli altri corsi di laurea.
Anche in Italia le medicine e le pratiche non convenzionali costituiscono un fatto socialmente rilevante. L’ultimo rapporto ISTAT (2001) fatto sull’impiego della medicina alternativa, mostra come questo fenomeno sia in costante crescita. Fra le scelte non si parla specificatamente di spiritualità o preghiera, ma che questa sia la medicina non convenzionale più diffusa è risaputo.
“Nessuna terapia medica dà garanzia di guarigione” ha detto uno dei relatori all’ultimo convegno AMCI di novembre a Milano, perchè purtroppo la medicina non ha tutte le risposte e la salute spesso diventa solo l’assenza della malattia e non uno stato di benessere fisico e spirituale.
Personalmente ho sperimentato l’impatto che la qualità del mio pensiero ha sulla mia salute. Ho trasformato il mio modo di pensare man mano che sviluppavo la mia spiritualità e focalizzavo il mio pensiero sul benessere e non la malattia. Cosí facendo mi sono accorta che rispetto a prima, ciò che mi circonda ha un’influenza minore e mi sono liberata da vari malesseri ricollegabili a situazioni tipiche.
La salute puó essere una condizione naturale vissuta quotidianamente. Cambiare il mio modo di pensare mi ha aiutato a capire che il mio corpo non agisce in autonomia. Riconoscere che la salute ha più a che fare con tutta la persona e la qualità del nostro pensiero, piuttosto che la sensazione di salute, basata su sensazioni fisiche, crea una grande opportunità rispetto al benessere. “Dobbiamo guarire dal concetto di necessità della malattia”, questo è stato il commento conclusivo di un altro dei relatori del convegno AMCI. Malattia e malessere devono essere considerati come innaturali e la salute non come un evento che ne denota la mancanza, ma il risultato di uno stato armonico – spirituale della persona.
É vero che la spiritualità puó essere definita da ognuno di noi in modo personale, ma indipendentemente da ciò ha un effetto molto potente sul benessere quotidiano che vale la pena di essere preso in considerazione. Tutti noi siamo alla continua ricerca di mezzi meno costosi e modi validi per rimanere sani ed é per questo che la spiritualità e la salute stanno diventando alleati sempre più forti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...