11 febbraio Giornata Mondiale del Malato

malato3

 

La malattia, specialmente se grave, mette in crisi la vita del malato e di chi gli sta vicino. Ci si sente sconfitti, impotenti e non se ne comprende il perché, ma è proprio in momenti come questi che possono avvenire trasformazioni interiori che ci aiutano ad andare avanti.



Il dolore che proviamo a causa della malattia può essere alleviato dai farmaci e se ricoverati in ospedale, sono i medici e gli infermieri che ci aiutano a superare la frustrazione di un’infermità ingiusta.

23 anni fa, Papa Wojtyla istituiva la Giornata Mondiale del Malato che da allora è riuscita a creare un rispetto e una consapevolezza maggiore nei confronti di chi soffre.

Medici, paramedici e volontari ospedalieri non sono chiamati solo ad accudire il paziente, ma per aiutarlo a trovare risposte che lo confortino anche spiritualmente. Paura e disperazione non aiutano la guarigione e mentre quest’angoscia ci fa credere che nulla ha più senso, ci serve un conforto che ristabilisca la nostra fiducia.

Da anni, in molti ospedali si stanno sperimentando gruppi di meditazione e preghiera, con lo scopo di alleviare il dolore e la sofferenza dei malati. Secondo gli studi neuroscientifici eseguiti alla clinica Mayo in Minnesota, la meditazione spirituale ha un effetto analgesico maggiore di un placebo e le analisi effettuate tramite la risonanza magnetica, confermano che la meditazione, di fatto, influenza l’attività cerebrale, agendo sull’area correlata alla percezione del dolore. Alcuni pazienti appartenenti allo studio, hanno affermato che dopo alcune sessioni di preghiera, hanno ricominciato a sentire fiducia e vedere la possibilità di guarire, oltre a sentire meno dolore. Potersi affidare ad un potere superiore, alleggerisce lo spirito, creando le premesse per un miglioramento fisico. Nel suo libro Scienza e Salute con Chiave delle Scritture, la signora Eddy, dopo aver ripetutamente fatto esperienza delle tante benedizioni ricevute dallo Spirito afferma “l’estremità dell’uomo è l’opportunità di Dio”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...