L’importanza del sonno

@Glowimages 42-17498753.Dormire è un bisogno biologico irrinunciabile dell’uomo e in genere di tutti gli animali, ma ancora di più è importante la qualità del sonno che deve essere sufficiente a ritemprare l’organismo per tutta la giornata. Quando non dormiamo bene o abbastanza siamo irritabili senza capirne il motivo, il nostro grado di attenzione e concentrazione è minore e ci sentiamo appesantiti persino nello svolgere piccole attività. I dati dello Sleep Cohorty Study del Wisconsin, studio scrupoloso in corso da molti anni,  ha accertato che un sonno efficace è indispensabile per mantenere in buone condizioni le attività cerebrali e cardiache, la pressione sanguigna, il metabolismo diurno e la regolazione dell’appetito, il quale in mancanza di adeguate ore di sonno viene oltremodo stimolato. Se dormire poco e male diventa un’abitudine, l’appetito per cibi dolci e ricchi di carboidrati aumenta con un disastroso effetto sul nostro peso. Un altro studio sulle funzioni cerebrali eseguito presso la Southern Methodist University di Dallas ha dimostrato che il sonno notturno rafforza l’apprendimento di ciò che si impara durante il giorno. Questa ricerca ha messo a confronto le capacità di suonare una nuova melodia da parte di gruppi differenti di pianisti le cui ore di sonno erano maggiori o inferiori. I pianisti che avevano riposato di più suonavano molto meglio del giorno prima rispetto all’altro gruppo che aveva riposato di meno.  Tutte queste osservazioni, ricerche e studi sulle nostre condizioni fisiche sono interessanti e molto importanti, ma si fermano all’aspetto materiale, considerando il nostro corpo un insieme di pelle, ossa e muscoli irrorati dal sangue. Tuttavia, alla luce di una nuova consapevolezza e di una nuova visione della fisica, questi concetti sono molto riduttivi. Infatti si sta facendo strada la convinzione che questo tipo di visione non è sufficiente per comprendere completamente i bisogni profondi dell’uomo. La ricerca biomedica si sta integrando con un sistema più ampio, dove i disturbi e le infermità umane vengono interpretate come il risultato dell’interazione fra mente e corpo. A dirlo è la fisica quantistica che concepisce il corpo umano e il cervello come un insieme di microunità che comunicano all’unisono fra loro. Noi non siamo solo un corpo fisico con cui ci identifichiamo per abitudine, ma molto più. L’adozione di un simile concetto dell’uomo, nella teoria e nella pratica, richiederà non solo un cambiamento concettuale nella scienza generale e medica, ma anche la rieducazione del pensiero quotidiano ed è proprio questo grande cambiamento la futura scommessa di questo millennio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...